Biografie dei Direttori

Blog Trasversale 
Direzione: Mario Fresa, Gilberto Isella, Stefano Iori, Rosa Pierno 

Mario Fresa è nato il 10 luglio 1973. Ha compiuto gli studi classici e musicali e si è laureato in Letteratura italiana. Tra le sue ultime raccolte di poesia: Costellazione urbana (Mondadori, Almanacco dello Specchio, 2008); Uno stupore quieto (Stampa, La collana, 2012; menzione speciale al Premio Internazionale di Letteratura Città di Como); Teoria della seduzione (Accademia di Belle Arti di Urbino, con disegni di Mattia Caruso, 2015). Anticipazioni dei suoi nuovi lavori in prosa sono state pubblicate di recente  sul secondo numero di Quadernario, a cura di Maurizio Cucchi, e sul volume n. 16 di Smerilliana, con un saggio di Valeria Di Felice. Ha curato l'edizione critica del poema Il Tempo, ovvero Dio e l'Uomo di Gabriele Rossetti (Carabba, collana  I Classici, 2012), e la traduzione dell'epistola De cura rei familiaris di Bernardo di Chiaravalle (Società Editrice Dante Alighieri, 2012). Suoi interventi in prosa, poesia, teoria, sono apparsi sulle principali riviste culturali italiane, da Caffè Michelangiolo a ParagoneNuovi Argomenti, e in numerose antologie, tra le quali Nuovissima poesia italiana (Mondadori, 2004). Firma la rubrica Sguardi sulla rivista internazionale Gradiva.



Gilberto Isella, nato nel 1943, ha studiato lettere e filosofia all’Università di Ginevra. È coredattore della rivista Bloc notes. Attivo come saggista, con numerosi studi dedicati ad autori del passato e contemporanei. Collabora alle pagine culturali del Giornale del Popolo e del Corriere del Ticino. Traduce dal francese (Dupin, Ch.Racine, Vargaftig, Demangeot). Ha pubblicato: Le vigilie incustodite, Bellinzona, Casagrande, 1989 (Premio Schiller); Leonessa, Lugano, Laghi di Plitvice, 1992; Discordo prosa e poesie, Locarno, Dadò 1993 (Premio Schiller); Apoteca, Torino, L’Angolo Manzoni Editrice 1996 (Premio Sertoli Salis); Baltica, prose, Balerna, Edizioni Ulivo, 1999; I boschi intorno a Sils-Maria, Sondrio, Officina del libro, 2000; Krebs, Balerna, Edizioni Ulivo, 2000; Nominare il caos, Locarno, Dadò, 2001; Dado a punte, Milano, Upiglio, 2003; Guernica e lo straniero, prosa critica, Balerna, Edizioni Ulivo, 2004; In bocca al vento, Falloppio, LietoColle 2005; Fondamento dell’arco in cielo, Viganello, alla chiara fonte, 2005; Corridoio polare, Bologna, Book Editore, 2006 (Premio Lorenzo Montano, Premio Schiller); Wild Contact, Lugano, Anaedizioni, 2007; Taglio di mondo; Lecce, Manni, 2007; Messer Bianco vuole partire, azione scenica, Viganello, alla chiara fonte, 2008; Inneschi, Bollate (Milano), Signum edizioni d’arte, 2009; Mappe in controluce, Bologna, Book Editore, 2011 (Premio Giuseppe Dessì 2012); Variabili spessori, Viganello, alla chiara fonte, 2011; Censuralbe, Milano, Il robot adorabile, 2012; Preludio e corrente per Antoni, Bellinzona, Salvioni Edizioni, 2012; Caro aberrante fiore, Lugano, Edizioni Opera Nuova, 2013; Mobilune, Bellinzona, Salvioni Edizioni, 2015; Liturgia minore, Falloppio, Lietocolle, 2015. 


Rosa Pierno è nata nel 1959 ed è laureata in Architettura. Dal 1993 è redattrice della rivista Anterem diretta da Flavio Ermini. Fa parte del corpo redazionale della rivista d’arte libretto diretta da Matteo Bianchi, Pagine d’Arte (CH). Insieme a Gio Ferri è co-direttore della rivista Testuale
Cura una rubrica sull'arte sul sito www.poesia2punto0.com
Svolge intensa attività critica nel campo letterario e artistico (è presente in numero riviste, antologie, cataloghi d'arte nazionali e internazionali). Ha pubblicato 9 libri di poesia:
Corpi Anterem, Verona, 1991,
Buio e Blu, Anterem, Verona,  1993,
Didascalie su Baruchello, Roma, 1994,
Interni d’autore, Edizioni Joyce & Company, Roma, 1995
Musicale, Anterem, Verona, 1999
Arte da camera, edizioni d’if , Napoli, 2004
Trasversale, Anterem, Verona, 2006 (Premio Feronia Città di Fiano 2006 Vincitore Sezione Poesia)
Coppie improbabili, Milano, 2007 Edizioni Pagine d’arte                                                                  Artificio, Robin, Roma, 2012


Stefano Iori è nato nel 1951 e ha studiato Giurisprudenza all'Università di Parma. Dal 1979 al 1985 ha svolto un'intensa attività teatrale, in Italia e all'estero, come attore e regista. Nel 1981 fu interprete del personaggio di Virgilio in tre puntate realizzate dalla RAI per celebrare il bimillenario della morte del grande poeta latino. Debuttò come saggista nel 1992, firmando il volume Scritture del teatro (edizioni Provincia di Mantova). Nel 1994 fu iscritto all'Albo dei Giornalisti Professionisti e fino al 1999 è stato redattore del quotidiano La Voce di Mantova. Si è rivelato al pubblico e alla critica con la filmografia ragionata I Grandi del cinema - Tinto Brass (Gremese Editore, Roma 2000). Ha collaborato con vari editori in qualità di curatore, fra questi anche Editoriale Giorgio Mondadori. Ha firmato tre libri di poesia: Gocce scalze (Albatros Il Filo, Roma 2011), Sottopelle (Kolibris, Ferrara 2013, con prefazione di Gio Ferri) e L'anima aggiunta (Edizioni SEAM, Roma 2014, con prefazione di Beppe Costa e traduzione in inglese a fronte). Nel 2015 ha pubblicato il romanzo La giovinezza di Shlomo (Gilgamesh Edizioni, Mantova). È direttore responsabile dei Quaderni del Premio Letterario Giuseppe Acerbi, nonché direttore del Festival Internazionale di Poesia Virgilio e coordinatore del Premio Nazionale di Poesia Terra di Virgilio.


Studia allo CSIA segue le lezioni di Massimo Cavalli e Max Huber, 
tra grafica e arti applicate, vince una borsa di studio.
Si licenzia in pittura nel 1988 presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, frequenta i corsi di Enzo Brunori e Guido Strazza.
Risiede nella capitale italiana per quasi venti anni. 
Espone in Italia, in Francia, in Svezia, in Romania e in Svizzera.
Rientra in Ticino nel 2000. Apre la Galleria Pangeart (2002-2006) a Bellinzona. Cura le cartelle calcografiche “Omaggi e confronti” contenenti lavori dei trenta artisti presentati. Avvia nel 2006 la Scuola Pangeart di Arti Applicate a Camorino attiva ancora oggi. Nel  2007 il Progetto Pangeart si unisce a AR Officina d’Arte Contemporanea a Milano. Nel 2008   cura le cartelle calcografiche AR dei due studi tra Milano e Camorino. Nascono piccole Edizioni Pangeart in collaborazione con artisti, poeti e gallerie.
Nel 2009 fonda le edizioni ramo radice con M.R.Valentini.
Intensifica le collaborazioni con Gilberto Isella, Marco Vitali, Alberto Nessi. Dal 2009 collabora con la Galleria Stellanove di Mendrisio, ed è attiva come artista a livello internazionale, collabora  con  L.I.Art Roma. Dal 2010 al 2015 molte esposizioni tra pittura e incisione calcografica, sempre con propri inchiostri grassi e magri, e su carte fabbricate a mano. Sempre nel 2015 apre assieme al  compagno Gabriele Donadini il piccolo centro culturale areapangeart, attorno ai linguaggi delle arti, dove è sempre un esposizione di arti visive a determinare temi e programmazioni bisettimanali. www.areapangeart.ch